FAIL (the browser should render some flash content, not this).
 
 






--- Interviste

--- Claudio Simonetti

--- Giorgio Gaslini

--- Jessica Harper

--- Keith Emerson

--- Nicola Pecorini

--- Simon Boswell

--- Clive Riche

--- Coralina Cataldi Tassoni

--- Irene Miracle


--- Altri links

--- Animali,numeri, colori 

--- Cameo 

--- Elementi autobiografici 

--- Influenze argentiane 

--- Attore feticcio 

--- Occhi d'argento 

 
INTERVISTA A JESSICA HARPER, INDIMENTICABILE INTERPRETE DI SUSPIRIA

Come mai, pensi, Argento, abbia scelto te per interpetare la protagonista di Suspiria?
Da quanto ne so, mi aveva vista recitare nel film "Il fantasma del palcoscenico" di De palma e pensò che sarei stata adatta al ruolo di protagoista del suo nuovo film horror.

Come furono i tuoi rapporti con Dario Argento?

Di grande cordialità. Ero felicissima di poter lavorare con lui. E lui è sempre stato molto carino e rispettoso nei miei riguardi...

Vi siete mai più reincontrati dopo il film?
No, per una serie di ragioni ed impegni non siamo più riusciti ad incontrarci. Purtroppo.

Ricordi qualche particolare curioso che accadde durante la lavorazione del film?
Ne ho parecchi di ricordi. Per esempio, nella scena finale, quando dovevo correre nel corridoio con vetri e muri che esplodevanon dappertutto. Ero davvero terrorizzata. E quel coordinatore degli effetti speciali che allora il coordinatore degli effetti speciali con il braccio ingessato, che si innervosiva in ogni momento diventando buffissimo. E quando Dario venne da me con una busta di plastica. La aprì per mostrarmi il contenuto. Io pensai subito ad un sandwich o a qualcosa di quel genere. Invece vidi che conteneva migliaia di schifosissimi vermi... urlai spaventata. Pensai ad uno scherzo. Appresi, invece, che quei vermi avrebbero preso parte ad alcune scene del film. E cadermi sulla testa. Fra i capelli....

Quanto tempo ci volle per girare la scena iniziale dell'arrivo di Susy sotto la pioggia?
La scena di apertura?
Non molto. Ricordo che la girammo in una sola notte.

In molte scene del film è la tua espressione a colpire. Emana innocenza, candore, genuinità. Sembri un po' la Biancaneve capitata per caso nel bosco, in questo caso nel bel mezzo della Foresta Nera...

No, sinceramente non mi sono ispirata a Biancaneve, non avevo un preciso punto di riferimento in tal senso. Però, ora che mi ci fai pensare, avrei dovuto, sarebbe stata un'idea perfetta, per caricare ulterioremente la mia interpretazione.

Nelle ultimissime sequenze di Suspiria, quando Susy esce di scena, abbozza un inspiegabile sorriso. cosa significa? Forse anche lei alla fine diventa una specie di strega?
Forse lo è. Non posso rivelarlo. Questo è un mio piccolo segreto (...e di Dario)!

Girasti tutte le scene in esterno a Monaco, vero?
Sì, ma la gran parte del film, che si svolgeva in ambienti chiusi, quelli dell'accademia di danza, furono girati comunque a Roma.

Cosa ricordi di quel periodo, in generale?
Era il 1976,non mi ricordo quasi niente! Eccetto la lavorazione del film. Molti dei miei ricordi, a questo proposito sono ancora nitidi e precisi.

Suspiria è per molti, Stephen King compreso, uno dei film fondamentali per la storia del genere horror nel cinema. La pensi allo stesso modo?
Penso che sia un film assolutamente unico, senza ombra di dubbio, con quei colori, quelle immagini, quelle musiche. Tutto è perfetto in quel film. E penso che pochi registi siano riusciti ad eguagliare Dario Argento, dopo Suspiria.

Suspiria è rimasto nell'immaginario collettivo di noi italiani, come un film indimenticabile, che ha segnato più di una generazione. E questo, oltre alla maestria registica di Argento è sicuramente dovuto anche alla tua ottima recitazione, che ha reso molto credibile il personaggio di Susy Bannet. Anche in America, sei così famosa per questo film?
Sì, devo dire che in America c'è molta gente che si ricorda di "suspiria" e che lo ama ancora molto. Anche chi all'epoca non era ancora nato! Mi dicevano, per esempio, che all'U.C.Berkeley, "Suspiria" ha un seguito incredibile fra i ragazzi. Sono passati tanti anni, eppure è un film per certi versi così moderno...

Sei rimasta in qualche modo legata emotivamente a questo film?
Indubbiamente sì. Girarlo per me è stata una esperienza fondamentale che esercita ancora un forte ricrdo. Io, poi, legai moltissimo con alcune persone che lavorarono con me sul set per cui, quando ripenso a Suspiria, a quel particolare momento della mia carriera, ne conservo una immagine estremamente positiva.

Ma Jessica Harper crede nella reale esistenza delle streghe?
Sinceramente, devo dirti che questo è un altro mio segreto... e non voglio rivelarlo!

Reciteresti in un nuovo film di Dario Argento?
Se me lo chiedesse, non rifiuterei di certo!

Grazie. Grazie a voi tutti. Saluto con piacere la nascita del nuovo sito "darioargento.it".

 
 
• darioargento.it  | Tutti i diritti sono riservati      • credit home | biografia | filmografia | collaboratori | televisione | produzioni | dossier | argento e...